POST CONSIGLIATI

Le nostre guide per scoprire la costa adriatica

COSA FARE SULLA RIVIERA DEL CONERO CON BAMBINI: TARTARUGHE, PARCO ZOO E PASSEGGIATE.

Una vacanza sulla Riviera del Conero con bambini riserva sempre tante sorprese. Numana, Sirolo, Portonovo, col loro mare incontaminato e le loro strutture turistiche accoglienti sono i punti cardinali, ma la mappa della fascinazione emotiva di questo paesaggio unico non finisce certo qui.

Un primo pensiero va alle escursioni nell’entroterra alla volta delle vicinissime Loreto e Recanati, località che, già alle elementari, per ovvie ragioni, i nostri figli hanno già sentito nominare mille volte.

Loreto, autentico cuore mariano della cristianità, dapprima accoglie il turista offrendosi nel suo insieme con una veduta d’altri tempi. Infatti avvicinandosi lo sguardo è catturato dall’articolato complesso della Basilica della Santa Casa posta in cima ad un colle assediato da uliveti antichi e bordato di grandi campi coltivati prevalentemente a cereali. Il luogo sacro, ben visibile anche dall’autostrada e dalla Statale 16 Adriatica, già da lontano irradia grande pace e serenità.

Poco oltre, attraversando un ordinato paesaggio bucolico dall’antica vocazione agricola, tutt’oggi fatto di dolci colline solo marginalmente toccate dalla modernità, si raggiunge all’ermo colle di Recanati. Il natio borgo selvaggio di Giacomo Leopardidomina ad Est l’Adriatico e a sud la fertile valle del fiume Potenza. Dopo l’immancabile visita alla Casa del Poeta, suggeriamo una sosta al settecentesco Teatro Giuseppe Persiani all’interno del quale sorge il Civico Museo Beniamino Gigli, altro recanatese illustre. Dal teatro, pochi passi ancora e si arriva a Piazza Leopardi col palazzo comunale e la caratteristica Torre del Borgo.

Se i vostri figli però sono piccoli fan di Messner o di Indiana Jones, portateli con voi ad una delle tante escursioni guidate alla scoperta dei 18 sentieri del Parco Naturale del Conero. Diurne o notturne, a piedi o in mountain bike, tra boschi e falesie, c’è solo l’imbarazzo della scelta nel nutrito programma stagionale di “emozioni in movimento al Parco del Conero”, proposto dalle guide Forestalp.

La Forestalp Tour Operator organizza anche “escursioni alla scoperta della Baia di Portonovo tra natura, storia e cultura” e poi traversate del Monte Conero “Coast to Coast”, dalla frazione Poggio a nord, alla spiaggia dei Sassi Neri di Sirolo. Settimanalmente le guide propongono tra l’altro anche sessioni di nordic walking della durata di due ore e mezza e alla portata di tutti, con partenza dal Centro Visite del Parco (Via Peschiera, 30/A, Sirolo).

Se invece i vostri bambini amano gli animali più di Licia Colò, segnaliamo, pochi chilometri a nord di Ancona, il Parco Zoo di Falconara Marittima. Ve lo consigliamo per trascorrere una giornata diversa delle vostre vacanze sulla Riviera del Conero con bambini. Ci sono anche gli spazi picnic per consumare il vostro pranzo al sacco. Lo abbiamo visitato personalmente attratti dalle attività didattiche collaterali e possiamo testimoniare che tutti gli animali sono ben tenuti e hanno anche ampi spazi. Da sapere che è in salita quindi faticoso con il passeggino, meglio portare uno zaino porta bimbo. Sul sito dello zoo di Falconara trovate anche il calendario degli eventi e laboratori per i bambini, normalmente la domenica.

Infine, una chicca: lo sapevate che ogni anno tantissime tartarughe marine vengono curate in Adriatico? E’ l’ospedale delle Tartarughe di Riccione ad occuparsi di loro e poi, alla fine della riabilitazione, naturalmente vengono rilasciate in mare. Ebbene, il luogo deputato per quella che assume sempre i contorni di una grande festa della natura è proprio sul monte Conero, nello specchio di mare tra la caletta di Numana e la spiaggia delle Due Sorelle… e i rilasci sono tanti che ogni anno si organizza un vero e proprio “calendario dei rilasci” aperto a tutti con tante attività ludiche e didattiche a margine. Potete consultare le date dei rilasci sul sito Numana città delle tartarughe ma tenete presente che non li pubblicano con molto anticipo, di solito a inizio estate.