POST CONSIGLIATI

Le nostre guide per scoprire la costa adriatica

Vacanze nel Salento: cosa vedere e le spiagge dove andare

Castro in Salento

La bellezza del Salento può essere riassunta con due elementi: un bellissimo mare e delle cittadine caratterizzate dall’inconfondibile stile architettonico del Barocco Leccese.

Un soggiorno in questa zona non può prescindere dalla scoperta di Lecce, città barocca dalle incredibili bellezze. Passeggiare per il centro significa scoprire palazzi edificati con la bianca pietra calcarea che, grazie alla sua particolare malleabilità, ha permesso a scultori e scalpellini, di realizzare degli ornamenti che hanno abbellito chiese, palazzi nobiliari e edifici di ogni genere come la Chiesa di Santacroce, il Duomo e Palazzo dei Celestini. Lecce conserva anche delle testimonianze preziose del suo passato come l’arena dell’Anfiteatro Romano di Piazza Sant’Oronzo e il Castello Carlo V, da sempre location di eventi culturali.

Il Salento non è solo Lecce ma anche l’interessante Gallipoli e Otranto, meta imperdibile della penisola salentina, ricca di vita ma anche di cose interessanti da conoscere come la sontuosa Cattedrale di Santa Maria Annunziata con il suo pavimento a mosaico.

Salento è soprattutto mare che, per la sua incredibile bellezza, è conosciuto anche come ‘Maldive d’Italia’.

Celebre la Baia dei Turchi, vicino Otranto, per via della sua distesa di acqua dai colori turchesi che assume mille sfumature che la rendono unica. La sottile sabbia bianchissima incorniciata da una ricca vegetazione dove dominano i pini, è la meta preferita da vacanzieri provenienti da ogni parte d’Italia.
Altra spiaggia da vivere è quella di Santa Foca, sul versante Adriatico, magari dopo ave visto Roca vecchia e le rovine del castello a precipizio sul mare e della Grotta della Poesia, una piscina di origine naturale.

Gli amanti degli sports nautici e soprattutto del kitesurf il Lido Buenaventura risulta essere il giusto punto di riferimento ma lo stesso può dirsi anche dei vacanzieri in cerca di relax che amano rosolarsi al sole.

Famosa è anche Torre dell’Orso che offre scenografiche coste e spiagge dal sapor tropicale ma che è nota anche per i faraglioni delle Due Sorelle, così battezzati a causa di due rocce vicine che emergono dal mare.
Chi cerca di un posto selvaggio, l’oasi protetta delle Cesine con i suoi seicento ettari di territorio incontaminato, è la giusta soluzione per immergersi totalmente nella natura dove fare interessanti incontri con la locale fauna.

Per famiglie con bambini al seguito, la parte ionica del Salento è quella più indicata per via delle sue spiagge dolcemente degradanti verso un mare dai bassi fondali come Pescoluse, Torre Pali, Torre Vado, Ugento e Gallipoli senza dimenticarsi dei litorali di Torre dell’Orso e di San Foca.

Interessante il Museo di Storia Naturale del Salento che si trova a Calimera e che con una più che estesa area espositiva, offre a genitori e figli di addentrarsi in diverse sezioni tematiche che spaziano dall’astronomia alla paleontologia passando per la mineralogia e molto altro.

Altro spunto per soddisfare i bambini è quello di portarli all’Osservatorio faunistico della Provincia di Lecce che annovera centri per la cura e tutela della fauna selvatica. Per i più grandicelli risulta eccitante una visita al Museo della Civiltà Contadina di Tuglie che raccoglie testimonianze del mondo agricolo che fu.

Molti gli eventi che si svolgono ogni anno in estate come la Notte della Taranta con Festival e concertone a Melpignano, la Notte Bianca a Lecce, Santa Domenica a Scorrano, San Pietro e Paolo e le tarantate a Galatina o la Focara di Sant’Antonio a Novoli.